784 Spirits

GLI SPIRITS


Sono tutti contraddistinti dalla presenza di alcool, l’alcool si ottiene in natura dalla fermentazione degli zuccheri presenti nella sostanza vegetale e per estrarlo si passa per la distillazione che ne veicola anche le componenti aromatiche tipiche e caratterizzanti.
La distillazione è il procedimento di separazione di due o più elementi contenuti in una miscela tramite ebollizione.
Il surriscaldamento della miscela fa evaporare la componente alcolica ed aromatica che condensandosi allo stato liquido origina il distillato. Questi distillati presentano profumi e sapori diversi che li differenziano e li caratterizzano, tutti sono soggetti a delle normative che ne dettano le regole per la loro produzione sino ad arrivare, in certi casi, a dei veri e propri disciplinari e/o a indicazioni geografiche protette e riconosciute a livello internazionale.

Le tipologie di superalcolici maggiormente diffuse sono:

Liquori: prodotti per miscela di acqua, alcool, sciroppo di zucchero e basi aromatiche come infusioni, estrazioni, olii essenziali ecc... . Le tipologie di liquori sono svariate tra le quali troviamo ad esempio il limoncello, gli amari, la sambuca, l’amaretto, il bitter ecc. Il grado alcolico minimo dei liquori e15%.


Bevande spiritose: sono ottenute con i medesimi procedimenti dei liquori ma caratterizzati da una percentuale di zucchero che è inferiore al 10%, grado alcolico minimo 15%

Grappa: questo nome è riservato al prodotto italiano ottenuto per distillazione, in Italia, della vinaccia (buccia dell’uva risultante dalla vinificazione per la produzione del vino) di origine italiana. 

Vi è un disciplinare per la sua produzione ed indicazione geografica che prevede le seguenti caratteristiche:

- Grado alcolico minimo pari a 37,5%

- Può contenere al massimo il 2% di zucchero

- Non può essere aromatizzata
- Può contenere sino al 2% di caramello limitatamente a quelle invecchiate almeno 12 mesi

- E’ Vecchia o Invecchiata quando viene sottoposta ad invecchiamento in recipienti di legno per almeno 12 mesi

- E’ Stravecchia o Riserva quando viene sottoposta ad invecchiamento in recipienti di legno per almeno 18 mesi

- E’ Barricata quando viene sottoposta ad invecchiamento in barrique per almeno la metà del periodo minimo di invecchiamento previsto per la categoria (invecchiata, riserva) e la rimanente metà di invecchiamento in recipienti di legno più grandi.

Brandy: ottenuto per distillazione del vino, deve avere un grado alcolico minimo di 36% e deve invecchiare almeno 1 anno in recipienti di legno. Al Brandy può essere aggiunto del caramello solo come colorante.

Cognac: sono prodotti come il Brandy distillando solo vini bianchi, solitamente i cognac sono ottenuti miscelando tra loro differenti annate e la loro denominazione è un’indicazione geografica riservata ai distillati di vino prodotti in una certa area geografica della Francia. I Coganc presentano dei disciplinari di produzione specifici. 



Le denominazioni del Cognac: 

- VS o De Lux (very Special) quando il cognac più giovane della miscela ha almeno 2 anni di invecchiamento

- VSOP o Reserve (Very Superior o Very Special Old Pale) quando il cognac più giovane della miscela ha almeno 4 anni di invecchiamento

- XO (Extra Old) quando il cognac più giovane della miscela ha almeno 6 anni

Armagnac: è un distillato di vino francese prodotto nella regione della Guascogna è a denominazione di origine controllata e protetta. Per produrre Armagnac si utilizzano impianti di distillazione continua ed una volta ottenuto il prodotto viene fatto invecchiare in piccole botti di legno. Gli Armagnac possono essere Millesimati (singola annata) o assemblati quali miscele di Armagnac di diverse annate

A seconda dell’invecchiamento dell’Armagnac troviamo: 

- VS (very Special) da1 a 3 anni di invecchiamento
- VSOP (Very Superior o Very Special Old Pale) quando l’Armagnac più giovane della miscela ha da 4 a 9 anni di invecchiamento

- Napoleon da 6 a 9 anni di invecchiamento

- Hors D’age, XO (Extra Old) da 10 a 19 anni di invecchiamento

- XO Premium da 20 anni ed oltre di invecchiamento.



Nel caso di assemblati l’anno è riferito al prodotto più giovane utilizzato nella miscela. 
Nel caso di Millesimati (unica annata) l’invecchiamento dichiarato corrisponde con l’anno della distillazione e normalmente nella retro-etichetta riportano anche l’anno di imbottigliamento per determinare l’effettivo invecchiamento del prodotto.


Gin: possiamo trovare diverse tipologie di gin, vediamo come distinguerle e capirle meglio.


Bevanda Spirtosa al Ginepro: ottenuto mediante aromatizzazione di alcole etilico di origine agricola e/o acquavite di cereali e/o distillato di cereali con bacche di ginepro, il titolo alcolico minimo delle bevande spiritose al ginepro è di 30% 

Gin: è la bevanda spiritosa al ginepro ottenuta mediante aromatizzazione con bacche di ginepro (Juniperus
communis L.) di alcole etilico di origine agricola avente le caratteristiche organolettiche appropriate. Il grado alcolico minimo corrisponde a 37,5% e per la sua produzione possono essere utilizzate sostanze aromatizzanti naturali e/o identiche a quelli naturali.



Gin Distillato: ottenuto esclusivamente mediante ridistillazione di alcole etilico di origine agricola, con un titolo alcolometrico iniziale di almeno 96 % vol., utilizzando i tradizionali alambicchi da gin, in presenza di bacche di ginepro (Juniperus communis L.) e di altri prodotti vegetali naturali (botaniche), a condizione che il gusto di ginepro sia predominante. Per l’aromatizzazione del gin distillato possono essere impiegate anche sostanze aromatizzanti naturali e/o identiche a quelle naturali e/o preparazioni aromatiche. Il grado alcolico minimo del Gin Distillato è di 37,5 %.


London Gin: ottenuto esclusivamente da alcole etilico di origine agricola, il cui aroma è dovuto esclusivamente alla ridistillazione di alcole etilico in alambicchi tradizionali, in presenza di tutti i materiali vegetali naturali impiegati (ginepro e altre botaniche). Il grado alcolico minimo del London Gin è di 37,5 % e per la sua produzione non possono essere impiegate sostanze aromatizzanti naturali e/o identiche a quelle naturali.



Sloe Gin: è un liquore ottenuto dalla macerazione di prugnole nel gin, con eventuale aggiunta di succo di prugnole; deve avere un grado alcolico minimo di 25 % e nella sua preparazione possono essere utilizzate solo sostanze aromatizzanti e preparazioni aromatiche naturali.


Whisky: ottenuto mediante distillazione di un mosto di cereali maltati con o senza chicchi interi di altri cereali. La Maltatura consiste nel mettere il cereale nell’ acqua affinché germogli; una volta germogliato viene fatto essiccare per bloccarne la germogliazione ottenendo così il malto che può essere anche tostato. Questa operazione viene eseguita in quanto il malto, o cereali maltati, a differenza della materia prima originaria, può fermentare, grazie all’utilizzo di lieviti e/o zuccheri, originando alcool.

Il grado alcolico minimo del Whisky corrisponde a 40%, il Whisky deve invecchiare per almeno 3 anni in recipienti di legno della capacità pari o inferiore ai 700 litri e può essere aggiunto del caramello semplice per la sua colorazione.



Qui di seguito le indicazioni protette del Whisky:

- Scotch Whisky Regno Unito (Scozia)

- Irish Whiskey/Uisce Beatha Eireannach/Irish Whisky Irlanda

- Whisky Español Spagna

- Whisky Breton/Whisky de Bretagne Francia
- Whisky Alsacien/Whisky d’Alsace Francia



Whisky Burbon: è il whisky distillato solo negli Stai Uniti d’America del quale si riportano le principali linee guida:

- la miscela di cereali deve contenere almeno il 51% di mais, generalmente è composto dal 70% di mais ed il rimanente è dato da grano e/o segale e da orzo maltato.

- Deve essere naturale al 100%

- Deve essere invecchiato in botti di quercia ad un grado non superiore ai 62,5% e le botti devono essere nuove e tostate internamente per facilitare la penetrazione del distillato nel legno

- L’invecchiamento minimo corrisponde a 1 anno ed invecchiamenti inferiori ai 4 anni devono essere riportati in etichetta.

La dicitura Kentucky Burbon viene utilizzata solo per il Whisky distillato ed invecchiato per almeno 1 anno nel Kentucky. 

Vodka: ottenuta da alcole etilico di origine agricola, ossia dalla distillazione di varie tipologie di materie prime come le patate, i cereali o altre materie prime vegetali che vengono prima fatte fermentare. Tale procedimento può essere seguito da ridistillazione e/o da un trattamento con coadiuvanti tecnologici adatti, come il carbone attivo, onde conferire al prodotto caratteristiche organolettiche particolari. Il Grado alcolico minimo della Vodka è di 37,5%.


Alcool Etilico: per uso “umano” detto anche Buongusto è ottenuto per distillazione di sostanze vegetali e/o frutti fermentescibili “di origine agricola”. L’alcool deve avere una grado alcolico minimo di 96% e viene impiegato principalmente per la produzione di infusioni, estrazioni, liquori o bevande spiritose; trova impiego anche nella farmacopea per le produzioni galeniche e medicinali.

Tequila: distillato di agave blu proveniente dal Messico. Per la produzione della tequila viene utilizzata la parte centrale della pianta dell’Agave blu, ricca di inulina, ossia il carboidrato da cui estrarre gli zuccheri per far iniziare la fermentazione. Dopo la sua raccolta, l'agave viene cotta a vapore per non più di 36 ore al fine di ammorbidirne le fibre e per liberarne le sostanze solubili che, in buona parte, sono zuccherine. Questo processo dà un liquido chiamato “aguamiel” che viene poi fatto fermentare in grossi contenitori per successivamente distillato.



Tipologie di Tequila

- Premium: tequila prodotta con il 100% di agave blu.

- Mixto: tequila prodotta con almeno il 51% di agave blu e con l’aggiunta di altre sostanze zuccherine come sciroppo di mais o di canna da zucchero.

- Blanco o Plata: Tequila bianca, non invecchiata.

- Joven o Oro: è una Tequila bianca alla quale viene dato un colore leggermente ambrato con l’impego di caramello o con un invecchiamento molto rapido in recipienti di legno. 

- Reposado: la Tequila viene fatta invecchiare in recipienti di legno per almeno 3 mesi.

- Añejo : la Tequila viene invecchiata in botte di legno per almeno un anno.

- Extra añejo : la tequila viene invecchiata anche sino a 8 anni in recipienti di legno.


Mescal o Mezcal: distillato di agave proveniente dal Messico. Per la sua produzione vengono prese la parti centrali delle piante che hanno raggiunto i 6-8 anni di vita, vengono cotti in forni interrati, tritati e lasciati macerare per 3-4 settimane prima della loro distillazione.

Una volta distillato il Mescal viene fatto riposare in botti di legno ed in base al periodo di invecchiamento possiamo trovare:

- Mescal Blanco quando il distillato viene conservato in botti di legno meno di 2 mesi 

- Mescal Reposado quando il distillato invecchia in botti di legno per un periodo da 2 mesi ad 1 anno

- Mescal Anejo quando il distillato invecchia per almeno 1 anno in botti di legno sino ai 200 litri


Alcuni Mescal vengono aromatizzati inserendovi una larva d’insetto “verme” e quelli utilizzati sono la falena “Comandia Redtenbacheri”, il più pregiato, o il coleottero “Scyphorus Acupunctatus”.

Pisco: il Pisco è un distillato di vino, non invecchiato, proveniente dal Cile o dal Perù.

Ci sono 4 tipologie di Pisco Peruviano:

- Puro, ottenuto dalla distillazione di vini non aromatici

- Aromatico, ottenuto dalla distillazione di vini aromatici
- Alcholado, ottenuto dalla mescolanza dei Puro e Aromatico

- Mosto Verde, ottenuto dalla distillazione di mosto non completamente fermentato
.

Ci sono 4 tipologie di Pisco Cileno che differiscono tra loro per la gradazione alcolica:

- Tradicional o Corriente con 30%

- Especial con 35%

- Reservado con 40%

- Gran Pisco con 43%

Cachaca: di origine brasiliana è ottenuta tramite la distillazione del succo bollito e fermentato della canna da zucchero. Può essere bianca o invecchiata.

 

Rum: ottenuto mediante fermentazione alcolica e distillazione a meno di 96% di melasse o sciroppi provenienti dalla fabbricazione dello zucchero di canna o dal succo della canna da zucchero. Il prodotto ottenuto dalla distillazione deve presentare in modo percettibile le caratteristiche organolettiche specifiche del rum. Se è ottenuto esclusivamente mediante fermentazione alcolica e distillazione del solo succo di canna da zucchero e presenta le caratteristiche aromatiche a cui i rum devono il loro carattere, questa bevanda alcolica può essere commercializzata come «Rum Agricolo» accompagnato da una delle indicazioni geografiche dei dipartimenti francesi d’oltremare e della regione autonoma di Madera. La dicitura “Traditionnel” invece è riservata ai rum distillati in determinate aree geografiche che devono corrispondere con quelle dalle quali provengono le materie prime impiegate per la sua produzione.

Il grado alcolico minimo del rum è di 37,5 % vol.; il rum può contenere caramello aggiunto solo come colorante.



Queste le indicazioni geografiche protette del Rum:


- Rhum de la Martinique Francia

- Rhum de la Guadeloupe Francia

- Rhum de la Réunion Francia

- Rhum de la Guyane Francia

- Rhum de sucrerie de la Baie du Galion Francia

- Rhum des Antilles françaises Francia

- Rhum des départements français d’outre
-mer Francia
- Ron de Málaga Spagna

- Ron de Granada Spagna
- Rum da Madeira Portogallo

Indirizzo

Sede legale:
Via Vecchia Ferriera n. 22 36010 Vicenza

P.I. e C.F. 04299310245